Ultima modifica: 4 novembre 2017

Storia di San Biagio

Il paese fece parte del distretto romano  di Albmtimilium, con il toponimo di Villa Martis,
come sembra testimoniato dal ritrovamento di antiche tombe e monete.

I primi documenti che citano il paese risalgono comunque solo al 1260.

San Biagio rimase sotto il dominio della Contea di Ventimiglia sino al 1686, anno in cui insieme ad altri sette villaggi del comprensorio chiese la protezione di Genova, si proclamò indipendente e costituì la Magnifica Comunità degli Otto Luoghi, che sarebbe poi unita nel 1797 con l’annessione alla Repubblica Ligure costituita per ordine di Napoleone.

Il borgo rimase denominato San Biagio fino al 1862, quando si rese necessario distinguerlo da altri omonimi sparsi per la penisola: da qui la specificazione”della Cima” dal nome con cui gli abitanti hanno sempre denominato la collina di Crovairola, che domina da sud l’abitato.

 

Visualizza tutto »

Ultimi 5 articoli pubblicati in ""

28 Set 2018 Si comunica che per tutto il mese di ottobre il Geom. Cannataro dell’UTC Ed. privata & Urbanistica riceverà il mercoledì anziché il giovedì.

24 Set 2018 Stato di grave pericolosità per incendi boschivi – DIVIETO DI ACCENSIONE FUOCHI

Scatta da sabato 22 settembre fino alla revoca dello stato di grave pericolosità lo stato di grave pericolosità è severamente vietato accendere qualsiasi tipo di fuoco su tutto il territorio della Regione Liguria. Il provvedimento è stato adottato dalla Regione su indicazione della Direzione regionale dei Vigili del Fuoco, alla luce delle condizioni meteo registrate in questi ultimi giorni, che hanno    »

24 Ago 2018 .

16 Giu 2018 Partecipa al Progetto “CLIMAERA” per la qualità della nostra aria!

Link al sondaggio Per saperne di più (in francese e in italiano): AIRpaca – RhoneAlpes, PACA, Regione Liguria, Regione Piemonte, Regione Valle d’Aosta

6 Mag 2018 Campetto da calcio in erba sintetica

I ragazzi di San Biagio possono usufruire gratuitamente del campetto in erba sintetica! È possibile richiedere le chiavi in Comune nei consueti orari di apertura al pubblico. L’uso è gratuito per ragazzi fino a 16 anni di età e alla presenza di un adulto che vigilerà sul rispetto del regolamento.